Home IDROGENO NEWS Idrogeno verde a Venezia

Idrogeno verde a Venezia

940

L’obiettivo del progetto, nato dalla collaborazione fra l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Sapio e Hydrogen Park è quello di trasformare l’ecosistema portuale della laguna veneta in un nuovo polo di energia pulita basato sull’idrogeno.

La collaborazione è articolata su due indirizzi tecnologici che vedono entrambi come protagonista l’idrogeno:

Il progetto “PORTS8” prevede la realizzazione di un centro di produzione di idrogeno ed una stazione di rifornimento stradale di idrogeno nell’area portuale di Porto Marghera a Venezia

Il progetto “SUNSHINH3”svilupperà un sistema di distribuzione innovativo di “ammoniaca verde” (una soluzione per accumulare e spostare l’idrogeno facilmente ed ottimale per le risorse impiantistiche di Marghera). Un sistema di accumulo e trasporto molto speciale che consentirà di assicurare ai punti di utilizzo l’approvvigionamento di idrogeno verde (quello ottenuto da rinnovabili, senza emissioni di anidride carbonica).

L’accordo ha come scopo finale la creazione di una Hydrogen Valley veneziana ovvero un distretto dell’idrogeno per coniugare lo sviluppo economico con la tutela ambientale.

Porto Marghera è il posto ideale per la realizzazione di entrambi i progetti in virtù di efficienti collegamenti marittimi, di ampi spazi portuali e dei collegamenti con la rete stradale, ferroviaria ed energetica nazionale ed europea.

Sapio, produttore di idrogeno da quasi 100 anni, vanta un’esperienza lungo l’intera filiera, anche attraverso una rete capillare su tutto il territorio nazionale. Metterà a disposizione le proprie competenze nell’ambito della produzione, del trasporto e della distribuzione dell’idrogeno. Darà il suo apporto di esperienza e competenza sia nella gestione di impianti produttivi che nella distribuzione di idrogeno puro attraverso idrogenodotti. Inoltre nell’installazione e gestione di una prima stazione di rifornimento, oltre che nell’handling dell’idrogeno verde sotto forma di ammoniaca”.

“Hydrogen Park dI Venezia è da tempo in prima linea per lo sviluppo di progetti utili alla produzione e alla distribuzione dell’idrogeno verde” – ha affermato il presidente di Hydrogen Park Andrea Bos – “La transizione energetica rappresenta una grandissima opportunità di crescita dell’attività industriale e dell’occupazione”.

“I porti del futuro saranno sempre più incubatori di innovazione tecnologica e non solo luoghi di carico e scarico di merci” – ha commentato Cinzia Zincone, Commissario Straordinario dell’Autorità di Sistema Portuale di Porto Marghera, un’area in grado di attrarre investimenti forieri di sviluppo, occupazione e innovazione a vantaggio di Venezia, del Veneto e del Paese”.

Il Gruppo Sapio, fondato nel 1922 con sede a Monza, con un fatturato di oltre 620 milioni di euro e 2200 dipendenti, produce, sviluppa e commercializza gas, tecnologie innovative e servizi integrati ed è membro attivo della Clean Hydrogen Alliance. Il consorzio Hydrogen Park è stato costituito il 15 luglio 2003 per la realizzazione di un Distretto dell’idrogeno a Porto Marghera. Nell’aprile 2005 è stato trasformato in Società Consortile S.c.a.r.l. Oggi è una realtà consolidata, che annovera tra i propri soci: Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo, Eni, Sapio, Decal e Berengo. Da quando, a partire dal 2010, le attività di ricerca e innovazione legate agli utilizzi dell’idrogeno hanno iniziato a ricevere un nuovo notevole impulso in Europa, è stato concepito e condiviso con la Regione Veneto un progetto per la realizzazione di un vaporetto a fuel cell alimentate a idrogeno. Denominato HEPIC (Hydrogen Electric Passenger venICe boat), ha raccolto l’interesse di Alilaguna e di alcuni partner. Dopo un impegnativo lavoro di sperimentazione e di messa a punto, il progetto si è concluso con il varo dell’imbarcazione.

Nel 2016 è stata istituita l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale (AdSPMAS) che comprende i porti di Venezia e Chioggia. Si tratta di un unico sistema per il Porto Laguna di Venezia, cioè un contesto unico al Mondo geografico, ambientale, sociale ed economico. L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale è un ente pubblico non economico. Il suo compito è indirizzare, programmare, coordinare, promuovere e controllare le operazioni portuali. Svolge la manutenzione delle parti comuni, mantiene i fondali, sorveglia la fornitura dei servizi di interesse generale, amministra in via esclusiva le aree e i beni demaniali, pianifica lo sviluppo del territorio portuale. La sua azione è integrata con gli strumenti di pianificazione e gli indirizzi delle altre istituzioni pubbliche, dall’Unione Europea agli Enti locali.

Mondo idrogeno Riproduzione riservata