Home DALL'EUROPA Il carrello elevatore a idrogeno realizzato a Bologna

Il carrello elevatore a idrogeno realizzato a Bologna

1282

La Toyota Material Handling forklift ha realizzato nella sua sede di Bologna un carrello elevatore per la movimentazione delle merci ad emissione zero e ad elevata autonomia grazie alla tecnologia a idrogeno e celle a combustibile (fuel cells). La presentazione del primo prototipo è avvenuta a Keynergy-Ecomondo nell’area dedicata all’idrogeno prodotto da energie rinnovabili promossa dal nostro magazine Mondo Idrogeno 360° e coordinata dal suo fondatore ing. Enzo Rossi.
Toyota Material Handling è leader nelle soluzioni innovative in campo energetico della propria gamma di prodotti. La tecnologia delle celle a combustibile sfrutta l’alimentazione a idrogeno per offrire ridotte emissioni nocive e maggiore produttività.
Assieme ad altri partner internazionali, Toyota Material Handling è tra i sostenitori del progetto europeo HAWL (Hydrogen And Warehouse Logistics) che ha l’obiettivo di contribuire ad aumentare in tutta Europa la consapevolezza dei benefici della tecnologia fuel cell applicata ai carrelli elevatori. Nei carrelli elevatori a fuel cell l’idrogeno viene erogato da un serbatoio a pressione molto leggero ed affluisce insieme all’aria (ossigeno) alle celle a combustibile. Queste ultime, combinando idrogeno ed ossigeno, producono energia elettrica grazie ad una reazione controllata. Tale energia viene quindi erogata al motore elettrico di trazione per la traslazione del carrello elevatore ed al motore elettrico della pompa per le operazioni di sollevamento e brandeggio.


Nel settore dei carrelli elevatori la tecnologia delle celle a combustibile ad idrogeno presenta diversi vantaggi rispetto ai tradizionali combustibili e sistemi di trazione.
L’uso dell’idrogeno permette la riduzione delle emissioni di CO2. Il rifornimento richiede pochi minuti. Questo significa che gli utenti possono contare su elevate funzionalità e produttività ad emissioni zero, operando in qualsiasi fabbrica senza generare alcun rumore.
Gli attuali carrelli elevatori elettrici sono alimentati da grandi batterie piombo-acido che hanno un’autonomia di 5-6 ore e un tempo di ricarica di 8-12 ore. Per i clienti con cicli lavorativi intensi, su 2-3 turni giornalieri, il ricorso a batterie supplementari risulta quindi inevitabile. Questo implica una complicazione delle attività operative (integrazione di processi di sostituzione batterie). L’utilizzo dell’idrogeno con le celle a combustibile (fuel cells) elimina le emissioni di CO2 e, al tempo stesso, incrementa la produttività rispetto ai tradizionali carrelli elevatori elettrici.
in particolare per le applicazioni che necessitano di utilizzare il carrello elevatore su più turni consente la ricarica in appena 3 minuti. Inoltre, questi carrelli possono essere utilizzati addirittura come generatori di corrente in caso di necessità o emergenze.
E’ di pochi mesi fa la notizia che per Toyota la conversione dei carrelli elettrici tradizionali, dotati di batterie al piombo acido, in carrelli elevatori a idrogeno fuel cell è già cominciata in tutto il mondo: nello stabilimento di Motomachi in Giappone- dove viene anche prodotta l’auto a idrogeno Toyota Mirai – già da quest’anno vengono utilizzati 2 carrelli a idrogeno a celle a combustibile.
E in Europa? Anche nel Vecchio Continente la nuova tecnologia a idrogeno è oggetto di numerosi test ed applicazioni mirate in diverse nazioni. In particolare, nel polo logistico francese di Neuville aux Bois, Toyota e FM Logistic, hanno lanciato un progetto pilota che prevede l’adozione di una flotta di 10 carrelli dotati di tecnologia fuel cell. Su una superficie di 85.000 m2, in questo centro distributivo vengono impiegati circa 90 carrelli elevatori su più turni operativi. Il progetto, una volta terminata con successo la fase di test, prevede la conversione di tutti i carrelli di quel polo logistico in carrelli a idrogeno fuel cell. Ciò ne farebbe il primo sito in Europa ad utilizzare esclusivamente carrelli ad idrogeno.


Ma non è tutto. Toyota ha consegnato alla azienda finlandese Woikoski il primo carrello fuel cell d’Europa impiegato in un ambiente di produzione. Questa linea di carrelli a idrogeno è progettata e prodotta nello stabilimento Italiano di Bologna. Il managing director di Woikoski, Kalevi Korjala, ha dichiarato: “Il carrello elevatore a idrogeno a celle a combustibile fornito da Toyota Material Handling Europe di Bologna rappresenta un passo considerevole per lo sviluppo della tecnologia idrogeno fuel cell”.

Mondo idrogeno Riproduzione riservata