Home IDROGENO NEWS L’A22 a idrogeno total green con 14 nuove stazioni

L’A22 a idrogeno total green con 14 nuove stazioni

499

Carlo Costa, direttore generale di Autobrennero, durante l’evento “Dolomite Conference” di quattro giorni (dal 5 ottobre), che ha visto la partecipazione dei massimi esperti sul tema dell’emergenza dovuta al cambiamento climatico, ha annunciato la realizzazione di 14 punti di produzione e refuelling (erogazione) di idrogeno prodotto da energie rinnovabili, lungo l’A22.

Con queste nuove infrastrutture si calcola che circa 100  camion potranno fare rifornimento di idrogeno presso le nuove stazioni nel tratto della A22.
E’ noto che sulla A22 transitano circa 2 milioni di automezzi pesanti ogni anno, tutti alimentati a gasolio e con enormi emissioni di CO2.
In tutta Europa si stanno ormai diffondendo i camion alimentati da idrogeno che alimenta le celle a combustibile (fuel cells). Questo tipo di powertrain automotive (elettrica a idrogeno) risulta particolarmente adatta ai mezzi pesanti che dispongono a bordo di volumi adatti per ospitare le bombole in materiale composito in grado di stoccare l’idrogeno da 350 bar fino ai più moderni dotati di bombole a 700 bar per una maggiore autonomia.
Il recente evento, dal titolo “Nuova Speranza per il Clima – Azioni Oltre le Parole”, è stato promosso da Autostrada del Brennero SpA e AXA Italia con l’Università Bocconi, il Politecnico di Milano, l’Università di Trento e la OXFORD Blavatnik School of Governance.
Hanno partecipato oltre 90 tra accademici, giornalisti, politici e imprenditori da Cina, Stati Uniti, Europa, India, Emirati Arabi Uniti, Qatar.
L’obiettivo dell’evento è stato quello di sviluppare un progetto comune da presentare alla COP 28, che si terrà a Dubai nel novembre 2023.

Per quanto riguarda l’intervento di Carlo Costa, direttore generale di Autostrada del Brennero, è stato confermata la realizzazione, lungo l’A22, di almeno 5 centri di produzione ed erogazione di idrogeno green oltre a 9 stazioni di rifornimento di idrogeno green prodotto nei 5 centri.

Presso gli impianti di distribuzione potranno rifornirsi, oltre ai camion anche le automobili a idrogeno (che si prevedono in diffusione in Europa, a partire dalla Germania e Francia, che sono già dotate di oltre 300 stazioni H2). I lavori per le stazioni idrogeno dell’Autobrennero saranno iniziati nel 2024.

Diego Cattoni, Amministratore Delegato di Autostrada del Brennero, durante un altro evento, aveva annunciato che la società ha previsto un investimento di 150 milioni di euro per ridurre le emissioni lungo una delle autostrade più trafficate d’Italia, dai mezzi pesanti commerciali e dal traffico turistico veicolare.

Mondo idrogeno Riproduzione riservata